Radio Banda Larga
social networksRBL su FacebookRBL su TwitterRBL su Instagram

Il 00:00:02.50 show intervista Mount Fog

di 00:00:02.50 show
Il 00:00:02.50 show intervista Mount Fog - Radio Banda Larga

Venerdì 23 Novembre il 00:00:02.50 show, programma su RBL dal 2017, darà inizio al primo di una serie di eventi ospitati dal Bunker di Torino. Il programma indaga la la percezione temporale del presente costruendo selezioni di musica organica e primitiva, la serie di eventi nasce dalla volontà di estendere questa ricerca per mezzo di esibizioni live ed installazioni sonore.

Il primo evento ospiterà il live in quadrifonia del collettivo italo-svedese Mount Fog che per l’occasione si unisce al sound designer milanese Piezo. Nice Strangers, conduttrice radio ed investigatrice cosmica, chiuderà la serata in modalità dj set.

In vista dell’evento, abbiamo chiesto a Mount Fog di rispondere ad alcune nostre curiosità.

Quali sono le origini di Mount fog e come il vostro percorso artistico si è evoluto negli anni?
"Mount Fog è un progetto multidisciplinare fondato nel 2011 da Nicola Domaneschi, Erich Grunewald e Marco Verdi, in cui si mescolano sound art, fotografia e installazione. La nostra ricerca fotografica si concentra sulla fotografia documentaria, con particolare interesse per il paesaggio, l'interazione uomo-natura e la rappresentazione simbolica di architetture e manufatti. Dopo un’attività incentrata principalmente sulla fotografia e sull’installazione audio-visiva, nel 2017 esce per la bolognese Hustle Productions il nostro primo lavoro puramente audio, "We Know Nothing", in cui ci siamo interessati al rapporto tra percezione sonora e spazio, indagando l'utilizzo del loop come ripetizione contemplativa."

Per la prima volta vi esibirete live insieme ad un altro artista, Piezo. Come nasce questa collaborazione?
"La collaborazione con Piezo nasce anni fa quando per la prima volta abbiamo collaborato con Luca alla realizzazione di un’installazione multimediale per il Kernel Festival del 2012, "Primitive". Potremmo dire che dopo quell'esperienza, l’interesse per i nostri percorsi artistici è stato reciproco, seppur appartenenti a binari diversi...forse stimolando una certa ricerca estetica sul suono che ora trova compimento in questa collaborazione live. Negli anni inoltre abbiamo lavorato a diversi artwork per il suo progetto musicale Piezo, il più significativo è sicuramente il lavoro per l’EP "Pripyat". L’opportunità di collaborare su questo live set ci sembra la naturale evoluzione di questo sodalizio artistico (oltre al piacere di produrre musica con un amico). Luca ha una forte sensibilità per l'utilizzo del ritmo, che abbiamo voluto provare a far collidere con i nostri soundscapes."

Una piccola anticipazione tecnica sul vostro set up?
"Per quanto riguarda il set up la cosa più importante è sicuramente la scelta di diffondere il suono attraverso un impianto quadrifonico. Sia noi Mount Fog che Piezo ci siamo trovati subito d’accordo sul voler creare un ambiente immersivo in cui la collocazione spaziale dei suoni gioca un ruolo molto importante, proprio dal punto di vista compositivo. Per quanto riguarda la strumentazione, tutto si basa sull’interazione di synth analogici e digitali, suoni preparati su nastro, controller ed effetti."

Quest’estate, Mount Fog si è esibito live per l’edizione di Saturnalia 2018, festival di arte contemporanea che si tiene 30-ore-no-stop negli spazi artistici del centro indipendente Macao (Milano). La registrazione binaurale della performance, fatta proprio da Piezo, è stata pubblicata giusto qualche giorno fa. Qui un piccolo assaggio (ascolto in cuffia altamente consigliato).

 

 

Alles Paletti A Berlino è nata RBL BRL Consigli di lettura dal Ponte sulla Dora Bounce FM party at Bunker Alles Paletti